Tulip Media

Pensieri imprenditoriali

Twitter: 8 utilizzi per renderlo un efficace alleato per il tuo business

Dopo aver definito cosa fosse Twitter (neo X) e il suo peso nella sfera dei social media, diamo un'occhiata a significa il più efficace per trarne vantaggio. Ecco quelli buoni pratica per sapere quando vuoi iniziare comunicare e a operatore di marketing SU Twitter.

Nota: questo capitolo, pubblicato inizialmente nel 2014 e ancora attuale, fa parte di una serie di corso sui Social Media, la cui sintesi potete trovarla qui.

Allora vediamo cosa Twitter permettere fare. Non nel senso convenzionale del termine, ma in termini di valore aggiunto che può apportare ad un'organizzazione o ai leader o ai manager aziendali.

Monitoraggio su Twitter

Il primo passo su Twitter è – prima di contribuire alla rete – fare ricerche e seguire account che ci insegneranno cose sul nostro lavoro. Delicatamente e discretamente, osserveremo prima. Questo social network che pullula di influencer, project manager, decisori ma anche osservatori ci servirà quindi per realizzare un monitorare il nostro mercato, e a monitorare la nostra reputazione elettronica.

Twitter per monitorare il tuo mercato

Monitorare il proprio mercato significa seguire tutto ciò che viene detto al riguardo il suo settore, SU i suoi concorrenti, i suoi fornitori o stakeholder, o cosa dicono questi concorrenti. Crescita, nuovi utilizzi, innovazioni, acquisizioni, fallimenti... Per questo tipo di esigenze, Twitter ha senza dubbio rivoluzionato le cose, perché ha consentito un accesso facile e divertente alle informazioni di mercato.

Esempio semplice: se un fornitore di pollo per McDonald's è oggetto di un brutto buzz emergente su un video che mostra possibili maltrattamenti sugli animali, il marchio cliente (McDo) deve essere in grado di misurare rapidamente l'impatto virale di questo video per poter reagire il più rapidamente possibile. possibile. In questo senso Twitter è uno strumento fantastico per misurare in tempo reale la temperatura del web.

Il social network del microblogging ha permesso anche alle piccole strutture di farlo creare il proprio panorama stampa, e per informarsi a costi inferiori sugli sviluppi del settore.

Ma in pratica, come si fa a monitorare Twitter?

  • Prima di tutto, fare ricerche per parole chiave : questa è la prima riflessione che ti viene in mente, e che dovrebbe permetterti di trovare tweet relativi al tuo settore, ma anche account Twitter da seguire.
  • Dopo, segui le persone che hanno twittato su argomenti o parole chiave che ti interessano : perché è probabile che queste persone continuino a farlo e ad informarti sul tuo settore.

Dopo questa prima fase di tentativi ed errori, dovresti essere gradualmente in grado di creare la tua rassegna stampa basata su ciò che hai fatto e che diventerà sempre più rilevante.

  • Individua i professionisti nel tuo settore di attività, gli influencer della tua esperienza. Seguiteli e fate rete con loro: sicuramente vi scoprite nel mercato, ma lo riscoprite anche.
  • Creare elenchi pubblici e privati : la prima ti consentirà di seguire, ad esempio, le notizie “Social Media” in totale trasparenza, condividendo questa lista con i tuoi follower, mentre la seconda saranno liste organizzate e identificate ma che non desideri rivelare come tali (a elenco “concorrenti” per esempio!).

Come creare elenchi di Twitter

Per fare ciò, niente di più semplice, clicca su “Io” (il tuo profilo), poi su “Elenchi” e infine su “Crea una lista”. Dai alla tua lista un nome, una descrizione e poi rendila pubblica o privata.

  

Per aggiungere qualcuno a una delle tue liste, vai alle tue iscrizioni o al suo profilo e clicca su "Aggiungi o rimuovi dalle tue liste".

 

 

Twitter per monitorare la tua reputazione elettronica

Il monitoraggio della tua reputazione online viene effettuato utilizzando gli stessi mezzi del monitoraggio del mercato. Quindi, monitorare ciò che viene detto sul tuo marchio presenta diversi vantaggi:

  • Scopri cosa dicono di te le persone
  • Quantificare ciò che si dice di te
  • Rileva un ronzio buono o cattivo che ti riguarda direttamente o indirettamente
  • Reagisci rapidamente

Meglio di mille parole, l'esempio del GAP e dell'etichetta razzista

Il 25 novembre 2013, un giornalista ha messo in dubbio il marchio GAP in merito un'etichetta razzista su uno dei suoi manifesti pubblicitari con l'attore e designer di gioielli Sikh Waris Ahluwalia.

GAP ha reagito molto rapidamente e ha chiesto di mettersi in contatto per scoprire dove si trovava il poster in questione.

Tuttavia, il marchio non ne è rimasto soddisfatto. Per mostrare sostegno e solidarietà a Waris Ahluwalia, ha cambiato la sua foto di copertina di Twitter per includere l'annuncio :

Jackpot per GAP in termini di notorietà e immagine. Essendo molto reattivo e sostenendo la sua musa ispiratrice, il marchio da un lato difende la propria etica e dall'altro dimostra di ascoltare i feedback.

Questo esempio riunisce tutti gli ingredienti di una buona gestione delle immagini 2.0:

  • Inizialmente, un brutto brusio su cui il marchio non può fare nulla
  • Quindi, reattività molto buona
  • Infine – ed è questo il punto più interessante di questo esempio – l’intelligenza di approfittare della stupidità altrui per lavorare sulla propria immagine di marca.

In altre parole, GAP ha approfittato dell'azione negativa di un individuo per brillare meglio. Un modo molto opportunistico per far parlare di sé, cosa che la stampa non ha mancato di fare in diversi articoli che elogiano il marchio:

Promuovi i tuoi prodotti e servizi su Twitter

Una volta che hai preso il controllo dello strumento come “follower”, è il momento di agire. Twitter può quindi essere utilizzato per trasmettere notizie relative ai tuoi prodotti, servizi o concorsi. In altre parole, un ulteriore canale di promozione per il tuo brand.

Pertanto, gli articoli del tuo blog sono benvenuti su Twitter, al fine di generare traffico verso il tuo sito web. A patto di avere un certo numero di follower, il che comporta una fase cruciale di follow-up, networking e discussione con gli utenti di Twitter.

L’accesso al ruolo di influencer, quando non sei un brand famoso, passa necessariamente attraverso una fase di chat. ti rimando la tipologia dei tweeter per comprendere appieno questi ruoli.

Costruisci relazioni con i clienti su Twitter

  • 56% dei follower Twitter di un marchio sono più propensi ad acquistare i prodotti o i servizi del marchio poiché lo hanno seguito, rispetto a 47% dei fan di una pagina Facebook.
  • 51% dei consumatori ritiene che l'assenza di un brand sui social network generi un'immagine negativa!

Pertanto la semplice presenza su Twitter costituisce quasi un argomento commerciale. Non resta che comunicare con i tuoi potenziali clienti e clienti, rispondere alle domande dei tuoi consumatori, in breve, stabilire un vero rapporto con il cliente. In questo modo trasmetti un'immagine positiva e attuale e dimostri di essere reattivo alle domande che i tuoi clienti potrebbero porre. Ideale in termini di branding.

Effettua il servizio post-vendita su Twitter

Oltre a trasmettere semplicemente notizie, Twitter può anche fungere da servizio post-vendita. Sebbene questo mezzo non sostituisca il tradizionale servizio post-vendita, consente già di rispondere a gran parte delle domande in modo rapido, efficace, trasparente e pubblico.

Ciò ha conseguenze positive in termini di immagine, poiché il marchio dimostra pubblicamente di avere molta attenzione nei confronti dei consumatori che pongono domande. L’azienda vuole quindi essere connessa, attuale, reattiva e attenta.

A livello pratico, è necessario creare un account Twitter separato dall'account ufficiale, reagire abbastanza rapidamente, invitare gli interroganti a inviare DM per i dati personali, ritwittare i clienti soddisfatti del servizio post-vendita e reindirizzare il cliente al servizio se necessario. adeguato.

Fai Social TV su Twitter

La Social TV si riferisce alla conversazione che si sviluppa online su ciò che accade sul piccolo schermo. Un'attività che sta suscitando sempre più interesse tra i canali. E per una buona ragione, 7,2 milioni di utenti Internet hanno già pubblicato online un commento su un programma televisivo, ad es. un utente Internet su cinque. Le previsioni di Seevibes contare su più di 100 milioni di tweet relativi a programmi televisivi:

Grazie al suo formato che si presta molto bene alla diretta, Twitter è la piattaforma ideale per fare Social TV. Attraverso la semplicità della sua interfaccia, il social network gioca un ruolo decisivo nelle conversazioni legate ai programmi, soprattutto quando sono in diretta.

“Questo crescente legame tra Twitter e TV può essere spiegato da un DNA comune. La TV è per eccellenza il media unificante, il live, l'evento, mentre Twitter è una piattaforma live, pubblica e conversazionale. »

Justine Ryst, Direttore dello sviluppo di Twitter Francia

In pratica, avviare una conversazione legata ad un programma televisivo comporta la scelta di un hashtag. Partecipare per migliorare la propria visibilità implica quindi l'utilizzo dell'hashtag scelto dal canale. Quindi, per un marchio che partecipa al dibattito, si tratta di mettersi in gioco: interagire, twittare la parola giusta al momento giusto e praticare l'umorismo quando necessario.

Dal lato del canale, ciò consente al tuo programma di essere visualizzato nei TT di Twitter e di creare un argomento di comunicazione per gli inserzionisti.

La comunicazione aziendale su Twitter

Twitter può essere utilizzato anche per la comunicazione esterna globale, oltre al solo servizio post-vendita e alle relazioni con i clienti. Possiamo trasmettere le ultime notizie sulla promozione del marchio, le ultime sponsorizzazioni, nomination, l'ultima pubblicità televisiva, ecc.

Il brand può quindi optare per due scelte complementari:

  • Comunicazione istituzionale: tramite account aziendale.
  • Comunicazione personale ma legata al brand: tramite un account personale di uno dei manager dell'azienda.

Esempio: il Twitter di Universal Music Francia da un lato, e il suo presidente Pascal Nègre l'altro.

Proprio come Instagram, Twitter può fungere da base avanzata per i rappresentanti di un'azienda: conduttori televisivi, radiofonici o giornalisti per la stampa da un lato, dirigenti, amministratori e dipendenti per il settore terziario dall'altro.

È quindi a proprio nome a cosa possono servire questi rappresentanti inviati sul fronte digitale?

Perché i leader dovrebbero rappresentare l’azienda sui social media

Per un motivo semplice: chi gestisce l'attività è ricercato dagli internauti! In effetti, gli utenti Internet di 33% cercano su Google i leader per saperne di più sulla loro carriera e sulla loro biografia. 29% cercateli su Google per sapere di più sulle novità economiche della loro azienda, 12% per scoprire le loro ultime nomine o cambiamenti di posizione, e infine 11% per conoscere i loro stipendi (soprattutto per i dirigenti d'azienda CAC40).

La personalità dei manager è quindi una delle preoccupazioni degli stakeholder dell'azienda. E sia in termini di B2B che in termini di B2C! E alcuni manager lo hanno capito molto presto, a cominciare per esempio da Dominique Giraudier, del gruppo FLO (hippo, tablapizza, Roman Bistro ecc.), che ha cominciato molto presto a scrivere un blog a suo nome (anche se poi ha smesso), e che aveva fatto della comunicazione umile e trasparente “una delle sue priorità”.

Altri leader successivamente hanno dato l'esempio, come Delphine Ernotte Cunci (Direttore esecutivo di Orange) che è stato uno dei primi a usare Twitter, ma anche Bruno Patino (France Télé), Clara Gaymard (General Electric France), Serge Papin (Système U), Alexandre Bompard (FNAC) o ancora Geoffroy Roux de Bézieux (candidato alla presidenza di Medef, capo di Virgin Mobile France), ecc…

Quale comunicazione per un manager su Twitter?

Twitter è una piattaforma particolarmente adatta al networking e al personal branding. Di conseguenza, un leader o un top manager ha tutto l’interesse ad essere relativamente attivo lì. Gli interessi del decisore sono molteplici:

  • Fai un monitoraggio personale e segui le informazioni di settore: seguendo le persone giuste, il manager aziendale trasforma la sua timeline in una vera e propria rassegna stampa.
  • Negare informazioni false.
  • Incarnano un’immagine moderna, attuale e accessibile del datore di lavoro, che si ritrova catapultato al centro dell’ecosistema, rompendo così l’immagine di una torre d’avorio inaccessibile e disconnessa dalla realtà da cui si prendono le decisioni.
  • Fai rete, amplia la tua rete professionale, interagisci (più che su LinkedIn comunque), diventa un referente e un influencer, per te stesso e per la tua azienda.
  • In termini di immagine e comunicazione, rappresentate, promuovete e promuovete la vostra azienda: essendo attivo su Twitter, il manager dimostra che anche la sua azienda lo è e dà l'esempio ai suoi subordinati.

E la comunicazione istituzionale su Twitter?

In termini di comunicazione esterna, 16 aziende francesi % avevano una pagina Facebook e 7 % una pagina Twitter (dati risalenti al 2012).

Questo tipo di comunicazione istituzionale sui social network permette di integrare o rilanciare i comunicati stampa tradizionali, creare effetti di annuncio, arricchire la proposta commerciale e infine creare una lista privilegiata di follower, soprattutto a livello B2B.

Questo è un modo di utilizzare Twitter che può essere più sicuro e tradizionale per alcuni manager. Non tutti i top manager vogliono necessariamente twittare a proprio nome, e questa scelta permette una comunicazione più standardizzata e controllata, se non addirittura originale e divertente.

Personal branding VS comunicazione aziendale

Ogni percorso ha i suoi vantaggi e svantaggi. Se uno a volte ti permette di avere più impatto, l’altro ha una durata infinita nel tempo poiché è interamente legato al brand.

 

Fai pubblicità sponsorizzata su Twitter

Una delle possibili soluzioni consentite da Twitter per ottenere pubblicità è semplicemente la pubblicità. Twitter fornisce diversi strumenti per organizzare le proprie campagne social sulla rete. Il marchio può diventare un “account sponsorizzato”, emettere “tweet sponsorizzati” o addirittura apparire negli argomenti di tendenza come “tendenza sponsorizzata”.

Diventa un account sponsorizzato su Twitter

Essere un account sponsorizzato significa che viene proposta la posizione a sinistra di Twitter, nei suggerimenti per gli account da seguire:

Essendo un account sponsorizzato ti viene addebitato il costo per follower che decide di seguirti. Dovrai quindi inserire il budget giornaliero che desideri destinare alla tua campagna, una fascia di costo per l'acquisizione di un nuovo abbonato (che varia tra $0,50 e $2,50) e la località.

Il tasso di coinvolgimento per questo tipo di campagna è stimato tra 0,2 e 0,5%.

Invia tweet sponsorizzati su Twitter

I tweet sponsorizzati vengono visualizzati nello stream dei tweet, sulla timeline dei tweet che appartengono ai segmenti selezionati in precedenza o nella ricerca di una particolare parola chiave:

I tweet sponsorizzati vengono addebitati per clic, il cui prezzo varia tra $0,50 e $1,50. Il targeting viene effettuato per categoria ampia, quindi per categoria di livello 2, quindi per segmenti personalizzati.

Tendenze sponsorizzate

Le tendenze sponsorizzate consistono nel fatto che un marchio viene esposto negli argomenti di tendenza di un determinato paese per un determinato momento. Esposizione massiccia, che beneficia di un tasso di coinvolgimento abbastanza forte che oscilla tra 7 e 13% sul tweet situato dietro il trend. In Francia il posizionamento TT è stimato a 5.000 euro per 1 milione di impression. Negli Stati Uniti sarebbe $200.000 per 24 ore di esposizione.

Alcuni esempi di campagne che hanno soddisfatto Twitter

Il tweet di Oreo durante il blackout del Superbowl (quando ti parlavo di umorismo):

Tweet relativi alla nascita del Royal Baby: 

Su YouTube, una campagna che ha suscitato un enorme buzz e che ha trovato ampio riscontro sui social network, compreso Twitter. Quello del marchio HelloFlo, che consegna prodotti alle ragazze che diventano donne. Un cortometraggio costato 6.000 dollari e generato 7 milioni di visualizzazioni…

Un'altra pubblicità di grande successo, che accompagnava un piano di comunicazione per Internet Explorer chiamato Il browser che amavi odiare, e che gioca molto abilmente sulla cattiva reputazione di Internet Explorer, prima delle versioni 9 e 10:

Twitter: networking, interazione, valore aggiunto e tocchi di umorismo

In conclusione diremo che su Twitter le parole chiave sono interazione, condivisione, valore aggiunto ai propri follower e tocchi di umorismo. Per un marchio si tratta di giocare al gioco dell'interazione, dando per ricevere meglio e talvolta usando sarcasmo e derisione. In effetti, Twitter è il social network in cui l'umorismo e i giochi di parole sono estremamente popolari. Un tocco di umorismo ed è garantito RT...

Capitolo 4: Come comportarsi con troll e haters »

« Capitolo 2: Introduzione a Twitter, cifre chiave e comportamenti

 

I miei ultimi tweet

Nuovi cortometraggi su Blooness 👉 Rilancia la libido, alla rinfusa -> Sole, vitamina D, dieta cheto-mediterranea, proteine, libri, battute, passeggiate, HIIT e dieta no ipocalorica.
https://buff.ly/445PWvc

Nuovi pantaloncini su Blooness 👉 Migliora il tuo sonno -> esponiti alla luce al mattino, limita gli occhiali da sole, bagna la maglietta durante lo sport, bevi decaffeinato, mangia massimo 3 ore prima di dormire, fai una passeggiata digestiva e prendi del melatone
https://buff.ly/440weAJ

Carica di più

Non perderti i consigli aziendali via e-mail

Niente spam, solo un'e-mail quando viene pubblicato un nuovo contenuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITIT