Tulip Media

Pensieri imprenditoriali

Creare un sito web per una PMI/VSE

Che cosa strategia web optare per uno PMI / TPE ? Che tipo di creare il sito e perché farlo? Come sfruttare il tuo presenza online ? Cercherò di darvi alcune risposte, mantenendo un livello di astrazione relativamente alto perché si tratta soprattutto di un aiuto generale relativo alla metodologia e non una guida tecnica in senso stretto.

Nota: questo articolo è il quarto capitolo di una serie di corso sul Management 2.0, la cui sintesi è disponibile qui.

Introduzione: quale strategia web per le PMI e le microimprese?

Ecco un piccolo file mirato TPE E PMI che iniziano Internet, e che ci consentirà di dare alcune possibili risposte per svolgere con successo il compito. strategia web.

Data la molteplicità dei casi, delle aziende e dei settori, e poiché non esistono ricette miracolose o formule già pronte, affronterò l'argomento in modo più o meno generale, ma distillando qua e là alcune strade da intraprendere a seconda delle esigenze casi in cui ti trovi.

Vedremo innanzitutto quali sono questioni strategiche relativo ad una presenza online, prima di concentrarsi su un metodologia possibile per la costituzione di a prima strategia di comunicazione web.

Essere presenti su Internet: semplice gadget comunicativo o contributo reale?

Un pizzico di scetticismo

La prima domanda che viene in mente a un manager di una VSE o di una PMI riguarda contributo reale di un sito web e della comunicazione online, e la loro quantificazione in termini di benefici. Alcune aziende che lavorano nel B2B e i cui contatti commerciali avvengono principalmente attraverso il networking e una rubrica già stabilita, non vedranno davvero il vantaggio di avere un sito web ben posizionato nelle loro aree di competenza, e ancor meno di avere canali di comunicazione in più lingue. Tuttavia, questo è un errore grave.

Un errore condiviso con alcune PMI che, con il pretesto di essere microstrutture o di dipendere da un bacino d'utenza definito e sicuro, sostengono che Internet non può portare loro molto, poiché la loro clientela è già consolidata e che non possono e non lo fanno desiderano incrementare la propria attività (esempio di una panetteria). Anche questo dimostra poca ambizione e mancanza di realismo.

Infatti, a parte alcune eccezioni, una serie di ragioni giustificano la presenza online, tra cui il potenziamento della tua attività e il perfezionamento dell’immagine del tuo marchio.

Crea un sito web per aumentare il tuo fatturato

Troverai pochi leader aziendali che negano questa osservazione. Stabilire e affinare la comunicazione web, sia mettendo online un sito, una pagina, un account Twitter, Instagram, Facebook o Tiktok, genera potenzialmente un ritorno di fatturato a volte colossale rispetto all’investimento effettuato.

Più del 70% delle PMI/IMV ritiene che Internet consenta loro di ampliare il proprio ambito di vendita e di diversificare l'offerta di prodotti o servizi.

Anche in questo caso stiamo predicando l’ovvio. Resta da vedere come farlo, perché non si tratta di mettere online il proprio sito per vedere le vendite e la domanda aumentare di colpo, come per magia.

Crea un sito web per migliorare l'immagine del tuo marchio

Cosa c'è di meglio di un sito web per presentare la tua gamma di prodotti, mostrare i tuoi valori e mostrare chi sei? Che sia per ragioni pratiche o per rafforzare la propria credibilità, un sito web è semplicemente il complemento di una brochure e di un biglietto da visita.

Un sito web è un fattore chiave di successo

Più che una semplice vetrina della propria attività, avere un sito web ben posizionato nei motori di ricerca è una vera risorsa, tanto per una PMI quanto per un artigiano. E per una buona ragione, se la metà delle VSE è riluttante a lavorare sulla propria presenza online – o lo fa ma rovinando il lavoro – coloro che si impegnano seriamente a volte si assicurano un quasi monopolio.

Una volta ho cercato un accordatore di pianoforte tramite Google. Ho cliccato sul primo link che mi è venuto in mente, mi sono imbattuto nel sito di un accordatore di pianoforti e ho chiamato per fissare un appuntamento. Ho dovuto aspettare 2 settimane per questo. Una volta lì, mi ha detto che aveva codificato il suo sito da solo, inizialmente per passione per l'informatica e per il desiderio di imparare l'HTML. Da allora non sapeva più come gestire la sua attività, poiché il suo telefono e la sua casella di posta erano sommersi di richieste. Gli avrei consigliato di assumere collaboratori per viaggiare in tutta la Francia, dato che il suo SEO era l'ideale. In effetti, il motivo di questo posizionamento ideale su Google era semplice: all’epoca non c’era nessun altro accordatore di pianoforti che avesse la presenza di spirito di posizionarsi su questa query. Ha quindi approfittato di questo monopolio per 2 anni, il tempo per farsi un nome e diventare un riferimento nel suo campo, cosa che l'algoritmo di Google non ha successivamente smentito...

Vediamo quindi che la presa in considerazione delle questioni digitali da parte delle PMI/IMV può avere effetti estremamente benefici sulla loro attività. Se questa osservazione può sembrare ovvia per un utente esperto di Internet, lo è molto meno per alcuni artigiani, soprattutto quando il campo di attività non riguarda i media o il digitale.

È quindi talvolta interessante ricordare i vantaggi di una presenza online. Passiamo ora al metodo.

Metodologia: come implementare una strategia web quando sei una PMI/IMV?

Fase 1: Analisi della situazione esistente

La fase 1 è una fase di osservazione. È un po’ più sottile di quanto sembri, perché non si tratta solo di notare ciò che ci manca, ma anche di sapere cosa abbiamo e se ne abbiamo il controllo.

a) Qual è la nostra attuale situazione digitale?

Cosa abbiamo a livello web? Un sito web ? Una posta? Un account su un social network? Siamo elencati nelle directory o su Google Maps/Thefork per un ristorante/Apple Maps, ecc…

b) Esiste un esistente che sia un difetto?

– Ci sono supporti web che ci riguardano e che non controlliamo, come ad esempio directory su cui abbiamo delle sfortunate recensioni negative risalenti a molto tempo fa e che minano la nostra presenza online? Se è così, devi elencarli per poterne prendere il controllo in seguito.

– Esistono supporti web che funzionano contro di noi? Commenti negativi, registrazioni con numero di telefono sbagliato, ecc. In tal caso, elencali per correggere la situazione.

c) Benchmarking dei concorrenti diretti

Questo passaggio è uno dei passi più importanti. Si tratta di digitare i nomi dei tuoi concorrenti su Google per vedere dove si trovano, per posizionarti rispetto a loro e vedere se i loro metodi (o non metodi) funzionano.

In un piccolo paese di una tipica periferia, ci sono due pizzerie, una accanto all'altra, completamente identiche, con la stessa offerta e gli stessi prezzi. Si fanno pizze molto buone. Chiamiamola pizzeria A. L'altra delle pizze abbastanza decenti chiamiamola pizzeria B.
Quando si digita su Google “Pizzeria + nome città”, la pizzeria B si aggiudica i primi risultati con il suo sito chiaro e molto ben progettato (che ricorda i siti di note catene di pizzerie). La Pizzeria A, che fa pizze migliori, è completamente invisibile, senza numero di telefono e senza indicizzazione negli elenchi dei ristoranti.
Una è così impegnata nelle sere del fine settimana che non sa come gestire la sua richiesta, tanto che ha dovuto cancellare la sua offerta "Una pizza comprata = una pizza gratis", cosa che non è servita a nulla. Nessun caso causa la richiesta Essere riempito. L’altro è deserto, anche nelle serate delle partite, e ha mantenuto l’offerta di una seconda pizza gratis, invano…

Non si contano le volte in cui ho notato questo tipo di esempi, qualunque sia il tipo di attività (ristoranti, gioiellerie, lavanderie a gettoni, parrucchieri, ecc.).

Fase 2: Analisi dei bisogni

La Fase 2 è ovvia. Si tratta di definire i nostri bisogni, altrimenti non sappiamo dove stiamo andando.

– Vogliamo incrementare la nostra attività? Riconquistare quote di mercato?
– Vogliamo aumentare il tasso di conversione dei nostri clienti? Guadagnare credibilità durante le trattative presentando i nostri prodotti, le nostre partnership o le testimonianze dei nostri clienti?

Ci sono tante esigenze quanti sono i problemi, sta a te vedere dove vuoi arrivare grazie al web.

Fase 3: Sviluppo degli obiettivi

Ci stiamo lentamente ma inesorabilmente avvicinando alla fase operativa. In base alle tue esigenze, puoi fissare obiettivi realistici ma ambiziosi.

Attenzione però all'espressione “Mira alla luna, colpirai le stelle” è un’affermazione che nella pratica si rivela irrealistica. Mettetevi invece come obiettivo le stelle (o anche le nuvole all’inizio), poi potrete raggiungere, con tanto lavoro e pazienza, traguardi sempre più ambiziosi.

Pertanto, sono favorevole ai cambiamenti incrementali, per strati successivi, anche se ciò significa prendersi il tempo necessario, piuttosto che a sconvolgimenti troppo significativi, che a volte hanno ripercussioni molto dannose per le PMI che non possono sopportare un cambiamento troppo significativo nella loro attività, sia a livello organizzativo così come il livello digitale o manageriale.

La parentesi è chiusa, ecco alcuni obiettivi che potrete prefissarvi:

Obiettivi SEO

In termini di posizionamento SEO, quale obiettivo ti poni? In altre parole, dove vuoi apparire su Google e per quali query? Meno sei su uno domanda di nicchia, più in alto puoi impostare la barra. Esempio : “Parrucchiere per uomo Fontainebleau” è una query di nicchia, “Lavanderia a gettoni di Parigi” è un interrogazione più ampia su cui ci saranno più concorrenti.

Scelta del supporto web

Quale supporto web desideri quando arriva il visitatore?

Una pagina Facebook : uno dei supporti più efficaci per le imprese locali. Ho visto piccoli negozi di patatine di quartiere raggiungere migliaia di fan su Facebook grazie a una comunicazione sofisticata e divertente. Risultato delle gare: una promozione virale e poco costosa, che ha suscitato interviste sulla stampa generalista e un successo in termini di attività.

Un account Twitter : con un buono Direttore della comunità, incaricato di costruire relazioni, scrivere buone parole o collegare buoni articoli relativi all'attività della tua azienda, questa strategia è molto efficace, in particolare per le aziende che lavorano nel B2B.

Un sito istituzionale : per presentare il tuo marchio, consentire ai visitatori di contattarti tramite un modulo, archiviare i loro dati nel tuo database, ecc.

Un sito di commercio elettronico

Un foglio di Google Maps

- Eccetera…

Fase 4: lavoro operativo

Questa fase consiste nell'allocazione dei mezzi per raggiungere gli obiettivi definiti a monte. Anche se il campo delle possibilità è molto ampio, possiamo dettagliare gli obiettivi generici sopra citati che spesso vengono fissati dalle PMI/IMV.

Pagina Facebook e account Twitter per una PMI/VSE

A seconda dei risultati stabiliti nella fase 1, creiamo o prendiamo in carico una fan page o un account esistente. Bisogna fare attenzione per garantire impostare l'account, e a invitare quanti più membri possibile tramite la tua rete di amici e collaboratori.

Tu stesso, come artigiano, puoi imparare a gestire questo genere di cose, che vale la pena imparare. Per una grande PMI, dovrai prendere in considerazione l'assunzione di un community manager, responsabile delle relazioni con i clienti sul web, o affidare questo lavoro a un'azienda specializzata.

I punti più importanti per trarre vantaggio da una pagina Facebook:

– Portalo in vita con status divertenti e positivi
– Pubblica link relativi alla tua attività
– Pubblica contenuti divertenti di tanto in tanto, se la tua attività lo consente
– Pubblica le testate che ti menzionano, ringraziale
– Organizzare giochi, gare, ecc.

Sito web

Sono disponibili diverse soluzioni per creare un sito:

– Per una grande PMI, interiorizzazione lo sviluppo web è un'opzione
– Altrimenti cercate un fornitore di servizi tecnici tramite la tua rete (spesso è il caso delle piccole imprese)
-La ricerca di un fornitore di servizi tramite il motori di ricerca e social network, che pullula di professionisti del web estremamente competenti
– Ricerca di un fornitore di servizi tramite siti come Codeur.com O Freelancer.com.
– Impostazione di una gara d'appalto da Junior-imprese.
– L’utilizzo di semplici moduli di creazione e gestione del sito, come quelli forniti da servizi come Neocamino Per esempio.

Consigli per la realizzazione del sito web

  • Assegnare un project manager alla missione di creazione del sito web

Nell'ambito della creazione del sito web, non esitare se sei una PMI a dotarti di un project manager che fungerà da collegamento tra te e il tuo fornitore di servizi, altrimenti rischi di rallentare lo sviluppo web perché non necessariamente disponibile a seguirti lo svolgimento della missione.

  • Prediligi strumenti di gestione dei contenuti conosciuti

Privilegiare anche l'utilizzo di CMS come WordPress, per poter mantenere il controllo sull'aggiornamento del sito, e per poter lasciare un'eventuale riprogettazione ad un altro sviluppatore che possa facilmente subentrare al lavoro del precedente fornitore di servizi.

  • Analizza da cima a fondo il portfolio dei candidati per il tuo bando di gara
  • Richiedi documentazione
  • Acquista tu stesso il nome del dominio e dell'hosting, conservando con cura l'accesso, anche se potrai comunicarlo al tuo fornitore di servizi durante la missione

Posizionamento SEO

Diffidate dai fornitori di servizi che vi promettono la luna in termini di posizionamento nei motori di ricerca. Alcune tecniche funzionano, ma non è una scienza completamente esatta, quindi si tratta di essere realistici.

Tra le tecniche più conosciute:

- Lavorare bene l'albero del tuo sito e il sintassi, favorendo la semplicità, la comprensione da parte di tutti, la congruenza e pertinenza.
– Completa il tuo sito web con blog, pubblicando regolarmente le tue notizie aziendali ma anche notizie relative alla tua attività. Non esitate a rivolgervi al vostro community manager o a mettere in missione un blogger, soprattutto per le PMI specializzate in un settore particolare.
- Creane alcuni pagina di destinazione.

Il foglio di Google Maps

Spesso trascurata, e quindi alla mercé di chiunque, Google Maps va monitorata, aggiornata e ottimizzata. Soprattutto, hai bisogno autenticare come essendo il proprietario/gestore dell'azienda, altrimenti rischi di vedere il tuo profilo modificato da persone a volte senza scrupoli.

Riparare i difetti

Come accennato nella fase 1, devi visitare ogni collegamento su cui il tuo marchio è offuscato per correggere la situazione. Un file il cui numero rimanda ad un vostro concorrente deve assolutamente essere recuperato. Assicurati di rispondere ai commenti negativi in modo professionale e cortese.

Nel caso di consumatori insoddisfatti dei tuoi servizi, non esitare a spiegarti nel modo più professionale possibile:

– Separare i problemi dalle persone, per disinnescare le passioni
– Riconoscere la propria parte di responsabilità
– Annunciare un cambiamento attraverso il reclamo e proporre un rimedio

Attenzione alle critiche non prese in considerazione, perché tra due ristoranti, ad esempio, l'internauta penalizza immediatamente quello di cui gli appaiono commenti sgradevoli.

Fase 5: Confronto tra obiettivi a breve termine e risultati raggiunti

Se gli obiettivi a lungo termine non possono essere raggiunti immediatamente (posizionamento SEO, numero di fan/follower), quelli a breve termine dovrebbero essere raggiunti al momento della consegna (sito operativo e account social, moduli di contatto, directory, ecc…). È quindi buona norma organizzare a incontro valutare la distanza che separa gli obiettivi a breve termine prefissati da quanto è stato realizzato.

Sono invitati a questi tipi di incontri su responsabile del progetto web, ma anche per una PMI che può permetterselo Avvocato, per tutti i termini legali relativi al web, a Marketing Manager valutare l'impatto del marketing sul web, a direttore delle vendite chi potrà vedere come trarre vantaggio commerciale dal canale web, ecc.

Se uno degli obiettivi non viene raggiunto, la catena dovrebbe essere controllata nuovamente per vedere dove il processo potrebbe essersi bloccato. A volte è a incomprensione tra il project manager e lo sviluppatore. Ciò può essere dovuto, ad esempio, alla barriera linguistica in caso di outsourcing all'estero. Questa causa può sembrare assurda, ma a volte l'inglese può non essere la lingua madre sia per il project manager che per lo sviluppatore, che si ritrovano ad utilizzare questa lingua presa in prestito in maniera approssimativa. Attenzione alle spiacevoli sorprese!

Fase 6: Monitoraggio operativo

Ciò comporta un attento monitoraggio della continuazione del lavoro e una valutazione se gli obiettivi a lungo termine sono ben raggiunti, o se almeno ci avviciniamo:

– Controllo qualità del blog
– Monitoraggio del posizionamento SEO
– Aggiornamento delle pagine statiche, aggiornamento della gamma prodotti
– Correzioni di bug.

E tante altre cose che dipendono dalla tua azienda, dal tuo settore di attività e dal tuo rapporto con il web (vetrina, e-commerce, ecc.).

Resta da vedere come quantificare il contributo della tua strategia web alla tua attività, che ci porta a rispondere al nostro problema iniziale, tradotto dal scetticismo dei dirigenti delle PMI/IVM. Per fare ciò, sono a tua disposizione diversi strumenti e sono possibili diversi metodi:

- Analisi di statistiche i dettagli del tuo sito, attraverso uno strumento come Google Analytics (o le statistiche fornite da Google Indirizzi per il tuo file Google Maps, o le statistiche della tua pagina Facebook), ti daranno informazioni molto precise sui tuoi visitatori.
– Il numero di clienti che passano dal tuo Modulo di Contatto è quantificato per natura.
– Il numero di clienti che passano ordine o l'abbonamento ai tuoi servizi sono facilmente quantificabili.
– Per tuo questionari di soddisfazione, puoi anche quantificare il numero di persone che ti hanno conosciuto attraverso Internet (pubblicità, motori di ricerca, passaparola, social network, forum, ecc.).

Conclusione

In breve, sapere come impostare obiettivi raggiungibili secondo il tuo esigenze. Se sei una PMI, puoi esternalizzare il tuo sviluppo web inserendo un file responsabile del progetto competente monitorare la pratica a medio termine. Non esitate a ridefinire i vostri obiettivi, se necessario, e a farlo revisione della tua strategia web almeno due volte all'anno. Per i VSE e altri imprenditori freelance, consiglierei di circondarsi di una persona di fiducia esperta in materie relative al web in modo da costruire un ponte con l'ingegnere incaricato dello sviluppo. Inoltre, non esitate a farlo chiedere aiuto sul forum e il social networks, il web è qui per aiutarti!

Capitolo 5: Perché gli imprenditori digitali devono imparare (almeno) a programmare »

« Capitolo 3: Le 6 fasi del lancio di un progetto

 

I miei ultimi tweet

Nuovi cortometraggi su Blooness 👉 Il training dedicato ai migliori semi oleosi per la salute è finalmente disponibile in formato audio https://buff.ly/3xo9fTS
https://buff.ly/43DkrYR

Nuovi cortometraggi su Blooness 👉 Se ci fosse un solo integratore da assumere, sarebbe il magnesio (insieme alla vitamina D). La guida completa ai migliori multivitaminici sul mercato ancora disponibile qui con accesso gratuito https://buff.ly/49bHqvp
https://buff.ly/49c3rKK

Nuovi cortometraggi su Blooness 👉 L'ultimo corso Blooness sulle proteine # è disponibile in formato audio https://buff.ly/4aijbMW
https://buff.ly/3TP67cB

Carica di più

Non perderti i consigli aziendali via e-mail

Niente spam, solo un'e-mail quando viene pubblicato un nuovo contenuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITIT