Tulip Media

Pensieri imprenditoriali

Credito bancario: capire la banca per convincerla meglio

Tra le possibili leve di finanziamento troviamo ovviamente l' credito bancario. Tuttavia, spesso ci troviamo sorpresi quando facciamo a richiesta di finanziamento alla tua banca.

Non necessariamente lo comprendiamo tasso venduto dal rappresentante del servizio clienti anche se lo stabilimento dall'altra parte della strada è più economico. Inoltre non capiamo perché l'agenzia ci stia costringendo Aspettare a volte più di un mese per un credito che sembra facile da concedere.

E ancor meno il motivo per cui il nostro file è in definitiva negato nonostante ai nostri occhi avesse tutte le qualità per farsi accettare.

Le cause di questi inconvenienti risiedono nella natura stessa della professione bancaria e in ciò che sta diventando.

Come funziona una banca, quali sono i suoi interessi e come sono regolate le sue attività? È ciò che vedremo di seguito, in questa introduzione alla professione bancaria e più precisamente alla sua attività creditizia. Andiamo !

 

Definizione: cos'è una banca?

Ricordiamo brevemente cos’è una banca:

Una banca è a istituzione finanziaria a cui è stata data l'approvazione per guadagnare dalla sua attività. E questo in modo molto regolamentato ed essere il soggetto regolazione regolare.

Come guadagna una banca?

Il margine di intermediazione

Il funzionamento classico di una banca commerciale è molto semplice: i depositi depositati dai suoi clienti ad un certo tasso, vengono prestati ad un tasso più elevato ad altri clienti sotto forma di crediti. Noi chiamiamo il divario tra queste due tariffe margine di intermediazione e costituisce il base del reddito di una banca.

Quali sono gli altri modi in cui una banca può fare soldi?

Affinché imprese di queste dimensioni possano guadagnarsi da vivere, le sole spese di tenuta del conto e gli interessi sui crediti risultano essere buone insufficiente. Per questo negli ultimi anni i servizi che le banche vi offrono si sono moltiplicati: gestioni online, assicurazioni, consulenza patrimoniale, garanzie professionali, ecc. Servizi che generano commissioni.

Infine, non possiamo mettere da parte le attività delle banche nei mercati finanziari e negli investimenti.

Il sacrosanto PNB

Un istituto bancario non è poi così diverso dalla tua attività e il raggiungimento di un certo livello di redditività è uno dei suoi obiettivi primari. E come ovunque, il nocciolo della questione è il fatturato o meglio il Pil (prodotto bancario netto).

I suoi due componenti principali sono, come abbiamo appena visto poco prima, il margine di intermediazione e commissioni. [O 75% del PNL dei sei grandi gruppi bancari francesi nel 2018].

Non devi dimenticare che il tuo account manager conosce a fondo il problema PNL che gli porti ; e i relativi obiettivi aziendali, il suo approccio nei tuoi confronti dipende da questo.

Purtroppo questo PNL non è un'informazione che vi verrà comunicata ma potete stimarla facendo il seguente calcolo: [commissioni pagate + aggi + interessi su crediti – (interessi percepiti + storni)].

 

 

Creazione di denaro

La prima missione degli istituti bancari è concedere crediti, un'attività che li rende primi creatori di denaro. [La moneta scritturale, creata scrivendo sui conti bancari, rappresenta 90% della moneta in circolazione – fonte Banque de France]. Questa è una grande responsabilità in un’economia in cui tutto si muove sempre più velocemente.

La responsabilità è quindi di un'istituzione telaio e di controllo la loro attività. Ne senti parlare regolarmente, è la Banca Centrale Europea, più spesso chiamata BCE.

 

Tassi della BCE

La BCE pianifica la politica monetaria europea e quindi la volume di creazione di moneta. È anche quello che rilascia le licenze bancarie e poi controlla le banche controlli frequenti. Oggi ci concentreremo su una leva di politica monetaria con effetti considerevoli.

Tassi chiave e tu

I tassi di riferimento sono il mezzo con cui la BCE agisce sulla creazione monetaria. Il tasso di riferimento utilizzato dalle banche è EURIBOR, questo è quello che appare sui vostri contratti di prestito e, a differenza del vostro tasso di credito, attualmente è negativo!

Come abbiamo visto, i crediti vengono commercializzati ad un certo tasso o meglio ad un certo prezzo. E il prezzo, il credito è molto elastico, il che significa che:

  • tassi di riferimento bassi incoraggiano la creazione monetaria attraverso il credito alle imprese e agli individui;
  • tassi di riferimento elevati portano al contrario.

Per circa un decennio abbiamo seguito un ciclo di tassi di riferimento tendenti al ribasso. Ciò spiega il vostro libretto A capitalizzato a 0,75%, l'afflusso di prestiti immobiliari o anche il vostro prestito in contanti a 1% in 5 anni. Questa è la prima conseguenza diretta delle politiche della BCE sulla tua vita quotidiana. Ma non finisce qui...

Tassi bassi? Alle banche non piace.

È paradossale, vero? Le banche non dovrebbero accogliere favorevolmente un ambiente che favorisca il credito? E il loro Pil pronto a esplodere?

Solo che il mercato è trascinato in una corsa ai prezzi al ribasso. Il margine di intermediazione soffre e vede ridursi la sua quota nel Pil delle banche rispetto a quella delle commissioni..

Sta emergendo una realtà: il passaggio al digitale e i tassi di riferimento pari a zero hanno contribuito a indebolire le banche che non sono più sufficientemente redditizie nelle loro attività storiche e devono cambiare il loro modello economico.

Le agenzie chiudono, il personale si riduce e la loro offerta si allontana progressivamente dall'ambito strettamente bancario. Il nostro rapporto con la banca è infatti completamente cambiato negli ultimi 10 anni e questo treno è ancora in movimento.

In sintesi: crediti concessi facilmente, ma banche in cattive condizioni

Potrebbe non essere mai stato così ottenere credito in Francia è semplice ma le banche non se la passano meglio. La riduzione del margine di intermediazione sta attualmente portando a due strategie da parte delle banche:

  • pagare sempre più crediti per mantenere il proprio PNL;
  • trovare opportunità per diversificare questo PNL.

“Fai credito” un'espressione che sentirai in ogni filiale bancaria. Ma non dimentichiamo che qui parliamo di una professione rischio. Come fanno le autorità a garantire che le banche non esageri e siano in grado di resistere agli shock?

 

Gli accordi di Basilea

Non lo diremo mai abbastanza, le banche lo sono soprattutto compagnie private a cui è affidata un'attività al rischio sistemico. Diverse crisi hanno avuto il loro peso e le istituzioni hanno reagito di conseguenza, sono emerse nuove regole per regolare la finanza e, tra queste, gli accordi di Basilea che mirano a rafforzare la stabilità delle banche.

Senza entrare nei dettagli, concentriamoci su un punto: per svolgere la propria attività, una banca deve essere solido, che si materializza in un certo livello di Equità.

Il bilancio di una banca è essenzialmente composto da:

  • crediti nel patrimonio
  • alle passività di depositi, obbligazioni e capitale, che includono capitale e risultati accumulati (o riserve).

I Fondi Azionari sono i garanti della stabilità della banca e tenerlo a galla, servono ammortizzatori in caso di inadempimento dei debitori. Più banalmente, l’equità garantisce che i tuoi fondi siano custoditi in modo sicuro.

I fondi azionari sono strategici ma quello che ti preoccuperà è altrove…

 

L'RWA? E' cosa?

Ci piace ripeterci: il credito è un’attività rischiosa. Il regolamento richiede inoltre che il livello di equità sia adeguato adeguatezza con il livello di rischio sostenuto sui crediti.

Il punto chiave di questo regolamento è il rapporto tra capitale proprio e rischio: capitale regolamentare / attività ponderata per il rischio. Questo rapporto è previsto dagli ultimi accordi alle 10.5%.

Il calcolo degli RWA al denominatore è stato aggiornato nel 2017. Il principio è chiaro: più un asset è rischioso, maggiore è l’RWAT. Ciò significa quindi che le banche hanno bisogno di meno capitale per coprire le esposizioni verso attività sicure e di più capitale per coprire le esposizioni più rischiose. E concedendo credito, ciò che il management di una banca non vuole è far esplodere l'impatto degli RWA sui suoi requisiti patrimoniali e quindi chiedere ai suoi azionisti di apportare capitali.

La RWA e te

Al centro della stima del rischio di credito c’è valutazione del cliente che si basa su: il bilancio dell'azienda, il suo settore di attività e una valutazione del gestore del conto. L'RWA dipende direttamente da questo rating.

Photo : https://pixabay.com/fr/photos/travail-bourreau-de-travail-%C3%A9crivain-1627703/

Cosa cambia per te?  È come il PNL. Il tuo account manager ha in mente il tuo punteggio in ciascuna delle tue interazioni. Dispone di strumenti che determineranno il prezzo che consentirà ai finanziamenti di essere “redditizi” in relazione alle normative di Basilea.

Si parla spesso di "calcolatrice", integra tutti i parametri dell'offerta di prezzo: la tariffa, le spese amministrative, il flow pricing e lascia al gestore del conto la possibilità di destreggiarsi tra di essi, cosa di cui non si priva. non negoziando con te. Generalmente, più basso è il tuo rating, maggiore sarà il tasso di finanziamento.

Inoltre, la valutazione della tua azienda è a informazioni riservate che non ti vengono comunicate nonostante il suo impatto sul prezzo dei tuoi servizi e sul processo decisionale relativo alle tue richieste. Questa valutazione viene rivista almeno una volta all'anno senza che tu prenda parte a questo processo decisivo.

Gli interessi sono quindi contrastanti all'interno di una banca di fronte alla tentazione del credito in un quadro che diventa sempre più restrittivo. Una direzione svolge il ruolo di arbitro, è quella di rischi.

 

Cosa fa il dipartimento rischi?

Il dipartimento rischi è responsabile rispetto della normativa bancariae e a tal fine elabora una politica dei rischi. È in prima linea di fronte alle istituzioni e ai loro controlli.

Sul piano interno, il suo obiettivo è quello di limitare le disposizioni sui crediti non pagati, e tenderà quindi a farlo rallentare la gestione delle vendite.

I “rischi” mettono quindi in atto uno schema di delega che determinerà chi può o non può decidere su una cartella di credito. I criteri più importanti sono:

  • La natura del credito (ovvero la qualità della sua garanzia)
  • L'importo e la durata del finanziamento
  • Il rating della controparte

L’obiettivo è rimuovere dal campo decisionale della rete commerciale i fascicoli che superano una certa soglia di rischio. Il prezzo del file generalmente non viene preso in considerazione in questo quadro. Un caso che lascia l'agenzia sarà deciso individualmente o collettivamente durante a comitato del credito.

Source Photo : https://pixabay.com/fr/photos/skyline-gratte-ciel-b%C3%A2timent-1925943/

Passando ai rischi, l'analisi della vostra situazione creditizia sarà maggiore effettivo, i decisori del tuo dossier ne avranno un'idea iniziale valutazione del rischio e il tuo Quotazione della Banca di Francia.

Il buon rapporto mantenuto con il tuo interlocutore peserà meno sulla bilancia, soprattutto perché le sedi sono spesso lontane dalle agenzie. UN tempo decisionale prolungato allora c'è da aspettarselo.

Dovete anche sapere che in caso di disaccordo con la direzione commerciale, in genere sono i rischi ad avere l'ultima parola.

Cosa ricordare se il tuo file va a rischio?

Una prima idea sarebbe quella di anticipare con il proprio referente se la pratica è nella loro delegazione o in quella della sede nel caso abbiate bisogno urgente di un finanziamento.

  • “Più chiaro è il dossier, più semplice sarà la decisione” Sii chiaro nella tua richiesta e fornisci fin dall'inizio le spiegazioni e gli elementi che ritieni necessari
  • Un file che si muove a rischio non è necessariamente un brutto segno. È ancora meglio che la tua pratica diventi nota alla sede centrale quando la tua situazione finanziaria è buona piuttosto che il contrario.. Un analista che scopre i precedenti di un'azienda quando è in difficoltà sarà più severo.

Conclusione

Quali sono allora le sfide che una banca deve affrontare oggi? Massimizza il tuo PNL In controllare il rischio e dentro rispettando le normative in un contesto economico vincolato dai tassi.

Un cliente ideale avrebbe a buon indice di rischio, UN il debito a lungo termine si contraeva a un ritmo elevato e pagherei a livello di commissione superiore agli interessi. Ma la realtà è spesso diversa e mettere insieme tutte queste condizioni non è facile.

Diciamo che concedendo un prestito un istituto bancario tenterà di farlo combinare questi elementi nel miglior modo possibile. I fattori che decideranno se la tua richiesta di credito verrà accettata sono quindi i seguenti:

  • Il coinvolgimento del tuo account manager e la sua determinazione per effettuare il finanziamento
  • valutazione del rischio della tua azienda
  • Il prezzo e soprattutto il tasso previsto ad un livello che copra il rischio
  • La delega del dossier di finanziamento in agenzia o presso la sede.

E questo è tutto, per la banca è tutto. Se avete domande o chiarimenti non esitate a commentare nei commenti! Ci rivedremo prestissimo per nuovi articoli 🙂

 

I miei ultimi tweet

Nuovi cortometraggi su Blooness 👉 Il training dedicato ai migliori semi oleosi per la salute è finalmente disponibile in formato audio https://buff.ly/3xo9fTS
https://buff.ly/43DkrYR

Nuovi cortometraggi su Blooness 👉 Se ci fosse un solo integratore da assumere, sarebbe il magnesio (insieme alla vitamina D). La guida completa ai migliori multivitaminici sul mercato ancora disponibile qui con accesso gratuito https://buff.ly/49bHqvp
https://buff.ly/49c3rKK

Nuovi cortometraggi su Blooness 👉 L'ultimo corso Blooness sulle proteine # è disponibile in formato audio https://buff.ly/4aijbMW
https://buff.ly/3TP67cB

Carica di più

Non perderti i consigli aziendali via e-mail

Niente spam, solo un'e-mail quando viene pubblicato un nuovo contenuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITIT