Tulip Media

Pensieri imprenditoriali

Marketing digitale: le due principali tipologie di comunicazione web per le VSE

Lavorare sulla visibilità di una piccola o piccolissima impresa (VSE) su Internet non consiste solo nel mettere online il proprio sito web e promuoverlo. C'è questo piccolo extra, questa scelta di una strategia ben formulata che può migliorare la comunicazione di una piccola impresa.

A mio avviso, il marketing digitale dovrebbe essere in linea con, da un lato, il tipo di attività su cui stai lavorando, e dall'altro con il segmento di mercato target.

Queste due caratteristiche hanno un’influenza diretta sul modo in cui promuovi la tua attività online. Per semplificare le cose, e sapere quali tipologie di mezzi attuare per quali tipologie di VSE, possiamo schematicamente individuare due tipologie di imprese: coloro la cui offerta è differenziata, distinto e che coltiva una forte immagine di marca (esempio: ristoratore specializzato, estetista orientale, nuova marca di biancheria intima maschile, designer di interni, ecc.), e quelli la cui offerta è poco differenziata, e che si rivolge al maggior numero di potenziali clienti in base alla posizione geografica dei loro punti vendita o alla loro zona di consegna (UV a Parigi, calzolaio a Vincennes, stampa e consegna di biglietti da visita a domicilio, lavoro a domicilio, ecc.) .

Quindi, a seconda che la tua piccola impresa sia più nella prima categoria o più nella seconda, la tua comunicazione web utilizzerà mezzi leggermente diversi. Vediamo quali.

Nota: questo capitolo è il decimo di una serie di corso sul Management 2.0, la cui sintesi è disponibile qui.

VSE la cui offerta è differenziata

Per questo tipo di offerta ribassata, l'azienda generalmente coltiva una certa immagine che trasmette ai propri clienti. Ad esempio, un piccolo ristorante gourmet che vende il suo know-how unico trasmette determinati valori ai suoi clienti, che amano il marchio tanto per i buoni piatti quanto per il concetto differenziato, i valori trasmessi, il sentimento di appartenenza una comunità. L'idea è quindi quella di adattare la tua strategia web secondo questo concetto differenziato.

In questo caso non è una priorità – anche se potenzialmente utile – farsi indicizzare in tutte le directory possibili, acquistare parole chiave molto competitive su Google AdWords e cercare di raggiungere la massa.

La strategia potrebbe invece essere così articolata:

  • Avere un sito web e account sui social media in cui l'immagine del marchio, il know-how, il concetto e l'atmosfera dell'azienda siano ben evidenziati: attraverso belle foto, testi ben scelti e feedback sulla stampa o sul blog, se presenti.
  • Lavora sulla tua referenziazione naturale e locale, senza dedicarvi tutto il tuo tempo, e condividendo il tuo tempo con la comunicazione tramite rapporti con la stampa, blog, influencer.
  • Se possibile, sviluppare una certa competenza su Internet nel settore in cui opera il VSE: bloggare, twittare o realizzare video su Instagram, Tiktok e Youtube nel caso di un'estetista specializzata, ad esempio, dando consigli culinari attraverso partnership con siti gastronomici per un ristorante, ecc…
  • Lavora sulla tua pagina Facebook, Instagram e Tiktok per consentire un coinvolgimento forte e virale da parte dei tuoi clienti: più forte è l'immagine del marchio, più i tuoi fan saranno buoni ambasciatori del tuo marchio. L’immagine di un marchio può essere forte se, ad esempio, c’è una sofisticazione tecnologica dall’alto per una start-up, valori unici come la vendita di prodotti locali per un ristorante o la difesa di una certa idea di stile di abbigliamento per un venditore di magliette. In questo tipo di casi, i social network sono uno strumento strategico molto importante perché sono un driver virale dei valori di marketing difesi dall’azienda.
  • Pubblica annunci atipici e attraenti online nelle directory (Google Maps, Thefork, Tripadvisor, ecc.). Su una pagina di Google Maps, ad esempio, l'idea è quella di promuovere il proprio know-how, attraverso buone recensioni, belle foto, video pertinenti, il nome del marchio in evidenza e un testo di presentazione scritto in modo intelligente che interrompa il potenziale target.
  • Monitorare le recensioni dei clienti e le recensioni degli utenti.
  • Se è previsto un budget, lanciare campagne pubblicitarie mirate e uniche su siti correlati all'attività dell'azienda. Contatta direttamente questi siti o rivolgiti ad agenzie pubblicitarie specializzate in articoli sponsorizzati e pubblicità mirata su determinati siti di nicchia.

VSE la cui offerta non è molto differenziata

Per questo tipo di piccola impresa, sarà più produttivo concentrarsi una strategia aggressiva per conquistare gli utenti di Internet. Dobbiamo essere visibili sul web, e ciò relativamente al maggior numero di persone a seconda della nostra capacità di soddisfare la domanda, a livello quantitativo e geografico.

Per fare questo :

  • Dovremmo privilegiare un sito chiaro, efficiente e senza fronzoli: le informazioni devono essere comunicate il più velocemente possibile e comprensibili a quante più persone possibile.
  • Sarebbe opportuno registrarsi su più elenchi per beneficiare di un campo di visibilità quanto più ampio possibile.
  • Dovremmo ottimizzare le nostre inserzioni su Google Maps in base a parole chiave strategiche: dove un VSE con un'offerta differenziata deve evidenziare il proprio nome, un VSE con un'offerta poco differenziata deve evidenziare il proprio servizio per migliorare la propria SEO locale. Esempio: “Mercier & Fils, calzolaio a Parigi 15” anziché “Mercier & Fils, i professionisti del calzolaio al vostro servizio”.
  • Se il budget c'è, prova le campagne pubblicitarie sulla rete Google AdWords, per raggiungere il maggior numero di persone dove vuoi essere visualizzato.

Più in generale, l'idea qui è quella dimigliorare la tua visibilità sulle parole chiave che compongono la tua attività, per ottimizzare il tuo SEO locale, mentre nel primo caso l'idea era quella di coltivare l'immagine del tuo marchio evidenziando contenuti altamente differenzianti.

A volte una piccola impresa deve avere entrambe le parti perché, come ho detto all'inizio, le cose non sono necessariamente scolpite nella pietra. Esempio di un ristorante tailandese, ad esempio, che avrebbe tutto l'interesse a combinare la prima strategia in termini di immagine di marca, e la seconda a farsi trovare rapidamente attraverso referenze locali aggressive e rilevanti.

Infine, la realizzazione di un sito multilingue e di contenuti in più lingue sui social network può rivelarsi particolarmente rilevante, soprattutto per le aziende il cui mercato di riferimento può essere esteso a livello internazionale tramite delivery, o semplicemente in un mercato locale ma che può raggiungere i turisti di passaggio.

Detto questo, fai attenzione ai costi e alla congruenza della tua strategia, perché inseguire troppe lepri contemporaneamente può rivelarsi a volte un consumo di molte energie, con scarsi risultati.

Capitolo 11: Start-up, come evitare il Cargo Cult nella strategia aziendale »

« Capitolo 9: 10 suggerimenti per ridurre al minimo gli effetti dell'agenzia nell'outsourcing digitale

 

I miei ultimi tweet

Nuovo post: I 10 migliori consigli per gestire in modo efficace i tuoi social network https://buff.ly/3QS7R23

Post aggiornato: Dior e lo scandalo John Galliano: un caso da manuale nella comunicazione di crisi https://buff.ly/3SQQHo8

Nuovi cortometraggi su Blooness 👉 Lo stress acuto ci rende più forti, ma il piccolo stress cronico ci uccide. #hormesis #longevità
https://buff.ly/3szgjeu

Carica di più

Non perderti i consigli aziendali via e-mail

Niente spam, solo un'e-mail quando viene pubblicato un nuovo contenuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITIT