Tulip Media

Pensieri imprenditoriali

Tendenza gastronomica: come integrare la nozione di SALUTE nel tuo ristorante

CIBO - Mangiare sano è una domanda crescente tra i consumatori. Quindi, quando possiedi uno o più ristoranti, o lavori nel settore alimentare in generale, sorge la domanda su come introdurre “sano” nella tua offerta.

Come alcuni sanno, Ho lanciato un moderno marchio di ristoranti libanesi il cui filo conduttore è mangiare sano al miglior prezzo, utilizzando i grandi classici dello street food libanese e più in generale mediterraneo, i cui ingredienti sono estremamente salutari perché a base di dieta cretese (legumi, carne di qualità, prezzemolo, verdure, olio d'oliva, ecc.).

Inoltre lancio anche un ottimo libro bianco sulla dieta “ideale”., che riunisce tutti i fondamenti spesso trascurati di una dieta perfetta per la salute e la figura.

Riunisco quindi in questo post il tutto i miei pensieri sui diversi modi di affrontare il “mangiare sano” nel vostro ristorante, sia per ristoranti generici, brasserie, fast-food o concetti 100% incentrati sul cibo sano. Troverai tutte queste idee anche in video in questo scambio filmato con Thomas del Coach Mon Resto:

Definire il concetto di sano

Prima di voler integrare ingredienti o pasti “sani” nel tuo menu, devi prima definire cosa è sano. Perché questo termine generico può assumere diversi significati basato sulle tendenze alimentari, sui dogmi alimentari in voga al momento, sulle credenze popolari e sui progressi scientifici in materia.

Basil Hummus presso Libshop

A livello generico, sano significa “sano”. In altre parole, si tratta di integrare prodotti sani nel proprio menu, o almeno riconosciuto come benefico per la salute, e incidentalmente per la linea.

Le aspettative dei consumatori si sono evolute a partire dagli anni 2000

Da diversi anni i consumatori chiedono prodotti sani, a filiera corta, biologici, con meno carne, più verdure, ecc.

Si tratta di una tendenza fondamentale, che trova la sua fonte in diverse questioni:

  • L’aumento delle malattie della civiltà (malattie metaboliche, tumori, diabete, sovrappeso, allergie, malattie infiammatorie, ecc.).
  • Rispetto della vita e degli animali, con l'obiettivo di ridurre la mattanza dei massaggi a favore delle catene di fast food a basso costo, che servono quantità gigantesche di cui il corpo umano non ha bisogno.
  • Il ritorno ai valori tradizionali e il rifiuto dell’industria di massa

Di conseguenza, c'è una tendenza a farlo mangiare meglio, In quantità ragionevoli.

Insalata di falafel + Hummus rosa su Libshop

Ma cosa può essere considerato buono in termini di alimentazione e salute? Questa è tutta la domanda a cui cercheremo di rispondere, perché voler aggiungere una nozione di salutismo al menu è molto più complicato di quanto sembri. Infatti, a seconda delle proprie convinzioni, il "mangiare sano" può essere collegato a diverse pratiche alimentari, a volte complementari certo, ma a volte contraddittorie.

Mangiare sano, un'esigenza a geometria variabile

Ecco un elenco non esaustivo delle diverse strade possibili:

  • Il cibo vegetariano o vegano è attualmente la strada più sfruttata
  • Posizionamento flexitariano
  • Rispetto della frutta e della verdura di stagione
  • Biologico
  • L’aspetto ecologico (cortocircuiti, ecc.)
  • L’aspetto equo (agricoltori regionali, ecc.)
  • Cibo non trasformato
  • Alimenti a basso contenuto di zuccheri
  • La dieta paleo (e quindi ricca di carne)
  • L'alimentazione sportiva e proteica, considerata salutare da alcuni medici nutrizionisti, e approvata dai praticanti di bodybuilding e fitness, che sono sempre più numerosi
  • E ovviamente il cibo fatto in casa, da prodotti crudi, quindi poco lavorati, che sia ricco o povero di zuccheri, vegetariano o carnivoro, ecc…

Come avrai capito, “sano” è un concetto dalle molteplici sfaccettature, e implica scegliere un percorso in base alle proprie convinzioni, al proprio modello di business e al mercato potenziale.

Marchio specializzato o diversificazione?

Ora che abbiamo evidenziato le diverse tendenze positive, resta da vedere quale sarà la strategia. Gli imprenditori hanno a disposizione diverse strade:

  • Le catene di fast food possono diversificare la loro offerta, ad esempio offrendo menu premium, menu vegani, pane senza glutine nei loro hamburger, cibi eccezionali, pollo biologico nei loro secchielli, a un prezzo più alto. Queste sono idee vaghe.
  • I birrifici possono diversificare il proprio menù proponendo piatti più elaborati, con la dicitura “biologico, vegano, senza glutine, cortocircuito, ecc”.
  • I ristoranti semi-gastro e gastronomici possono lanciare piatti vegani, ma anche dolci fatti senza zucchero, ad esempio, per abbinarsi al meglio ad una clientela premium in cerca di una fuga gastronomica ma senza i chili che ne conseguono (il dolcissimo dessert è una bomba a orologeria a livello dietetico).
  • Finalmente, start-up specializzati nella consegna a domicilio di prodotti alimentari (e che integrano l'intera catena del valore), possono anche lanciare i propri gamma sana, o addirittura lanciare marchi specializzati in una dieta particolare (consegna di piatti a basso contenuto di carboidrati, consegna di piatti paleo, ecc.).
  • Ci sono anche i “veloce-buono” che sono in aumento. Questa è una specializzazione che consiste nel fare fast food, ma con prodotti di qualità.

Quindi è questione di scegliere da che parte stare:

  • O diversifichiamo la nostra offerta, consigliato per ristoranti generali o catene
  • O scegliamo uno o più tipi di alimentazione compatibili tra loro, e creiamo un brand (pure player o fisico) specializzato in questo ambito. Qui il vantaggio è quello di essere identificati come riferimento in un determinato ambito, ed essere elogiati dagli “early adopters” di questa tipologia di alimenti. Ma attenzione al decollo, che rischia di essere lungo e noioso, perché a parte il cibo vegano, tutte le altre strade sopra menzionate rimangono per il momento delle nicchie a livello commerciale e di marketing.

Salutare in un ristorante classico o generale

Una volta deciso il tipo di cibo che vuoi aggiungere al tuo menu, non devi fare altro che scegliere i piatti che vuoi aggiungere, rivolgendoti al tuo chef, o guardando le ricette su Internet.

Se, ad esempio, opti per piatti vegani, tutto ciò che devi fare è scoprire quali sono i piatti chiave e aggiungerli, assicurandoti di formare bene le tue squadre.

Veganou su Libshop

Allora è assolutamente necessario evidenziare in modo che vengano venduti, ad un prezzo a volte superiore a quello dei piatti carnivori, ad esempio. Va bene, i margini sono spesso più alti sui piatti vegani.

Infine, tutto deve essere coerente, ovvero che il tuo brand, se si “premia” attraverso un’offerta sana, deve inviare i codici “sani”. attraverso la sua decorazione, il suo design, il design del suo menu, ecc…

Nel caso di un bistrot, ad esempio, non bisogna lesinare sull'arredamento, porta le piante nel tuo stabilimento, per dare il segnale che in questo ristorante si mangia sano. Sono segnali semplici ed efficaci.

Il caso di un insegnante orientato al 100% sano

In questo caso specifico si tratta di a marchio specializzato, che deve quindi costituire un riferimento nel settore. Dobbiamo poi essere impeccabili lungo tutta la catena del valore. Se si tratta di un ristorante o di una catena di ristoranti, saranno due i progetti sui quali non dovreste lesinare:

  • Una gamma di prodotti ultra premium, ben commercializzati, ben confezionati, con tutto l'aspetto ecologico. Nulla deve essere lasciato al caso, dall'origine dei prodotti alla loro presentazione.
  • Spazi abitativi splendidamente decorati, mettendo in scena agenzie di architettura competenti, che vi permetteranno di avere ristoranti che non lasceranno dubbi al consumatore sul loro posizionamento. Per questo, guarda marchi come Shine Garden per pranzi veloci o Wild & the Moon per il lato più premium.

Il target è una clientela CSP+, attenta all'ambiente, abbastanza benpensante, connessa e che vuole mangiare sano al prezzo più conveniente. Con questa clientela non è possibile correre rischi, bisogna essere il più ecologici possibile, con prodotti spesso vegetariani/vegani e al passo con i tempi (hummus, caviale di melanzane, quinoa, alghe, cocco, pasta di konjac, semi, semi oleosi, erbe aromatiche, ecc…) .

Ciotola di Falafel da Libshop.

Se si tratta di un giocatore puro, rimuoveremo tutte le opzioni menzionate nella sezione "decorazioni e luoghi fisici" e inseriremo il pacchetto nella comunicazione in linea, l'applicazione mobile, il sito web, i social network, per catturare al meglio il proprio target, sempre con prodotti ipercommercializzati e confezionati.

Conclusione: sano è, secondo me, a posizione attuale chi può esserlo commercialmente vincente, purché lo sia coerente su come costruire la tua offerta e presentarla ai clienti. Spero che i miei pensieri possano aiutare alcune persone, non esitate a commentare nei commenti se avete un'opinione sulla domanda!!

 

I miei ultimi tweet

Nuovi cortometraggi su Blooness 👉 Il training dedicato ai migliori semi oleosi per la salute è finalmente disponibile in formato audio https://buff.ly/3xo9fTS
https://buff.ly/43DkrYR

Nuovi cortometraggi su Blooness 👉 Se ci fosse un solo integratore da assumere, sarebbe il magnesio (insieme alla vitamina D). La guida completa ai migliori multivitaminici sul mercato ancora disponibile qui con accesso gratuito https://buff.ly/49bHqvp
https://buff.ly/49c3rKK

Nuovi cortometraggi su Blooness 👉 L'ultimo corso Blooness sulle proteine # è disponibile in formato audio https://buff.ly/4aijbMW
https://buff.ly/3TP67cB

Carica di più

Non perderti i consigli aziendali via e-mail

Niente spam, solo un'e-mail quando viene pubblicato un nuovo contenuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITIT